paginemediche

La quinta malattia e le malattie esantematiche dell'infanzia



LA QUINTA MALATTIA IN DERMATOLOGIA

a cura del Dermatologo Dott. Del Sorbo
SALERNO - SCAFATI



LA QUINTA MALATTIA È IL NOME POPOLARE DEL MEGALORITEMA EPIDEMICO DA ERITROVIRUS
La quinta malattia o megaloeritema epidemico da eritrovirus è una malattia esantematica del bambino o meno frequentemente dell'adulto e si associa ad infezione da eritrovirus. Il periodo di incubazione della quinta malattia può variare da 1 a 3 settimane, durante le quali non si osservano manifestazioni cutanee. Analogamente ad altre malattie esantematiche, la quinta malattia conferisce solitamente immunità permanente, per cui sono rarissime le recidive.

I SINTOMI DELLA QUINTA MALATTIA NEL BAMBINO E NELL'ADULTO

La quinta malattia esordisce solitamente con una reazione esantematica che al viso può assumere nel giro di qualche giorno un aspetto cosiddetto a guance schiaffeggiate (slapped cheek syndrome), mentre sul tronco e sugli arti, può presentarsi sotto forma di un'eruzione maculo papulosa con aspetto reticolato. Solitamente l'eruzione cutanea non si accompagna a prurito, ma può a volte essere preceduta da febbre, cefalea, rinorrea, stanchezza, linfoadenopatia o dolori articolari, anche se nei bambini è quasi sempre autorisolutiva nel giro di una settimana.


foto di quinta malattia del viso nei bambini e negli adulti

Immagini di quinta malattia con il tipico aspetto schiaffeggiato delle guance con risparmio dell'area periorale

quinta malattia nei bambini e in gravidanza


La quinta malattia può in alcuni casi presentarsi con un quadro clinico più duraturo, soprattutto in alcuni adulti, negli anemici e negli immunocompromessi. In rari casi può essere interessato anche il cavo orale con un caratteristico enantema. La quinta malattia contratta nei primi trimestri della gravidanza, assume particolare importanza, data la possibilità del passaggio transplacentare dell'eritrovirus, con possibili conseguenze talora anche molto importanti sul feto (es. anemia, idrope fetale, etc), dovute alla tendenza del virus ad interferire con il ciclo cellulare dei tessuti a rapida crescita. Inoltre, i miociti fetali (cellule cardiache del feto), esprimono sulla loro membrana esterna l'antigene P (globoside P), potenziale bersaglio molecolare dell'eritrovirus. La quinta malattia può quindi presentarsi in qualsiasi fascia di età, ma nei bambini è più frequente tra i 3 e i 12 anni. Il viso presenta un tipico colorito rosato ad aspetto schiaffeggiato delle guance, che si presentano arrossate, calde e dolenti. Sulle altre parti del corpo l'esantema, quando presente, può avere un aspetto maculo papuloso a tipo reticolato, mentre nelle rare forme atipiche il rash può anche essere di tipo vescicolare o purpureo. Le artralgie (dolori articolari) solitamente simmetriche soprattutto a carico delle piccole articolazioni di mani e piedi), sono più frequenti negli adulti piuttosto che in età pediatrica e si osservano con maggior frequenza nel sesso femminile.


immagini di granuloma anulare

Nel giro di alcune ore, l'esantema della quinta malattia può interessare oltre al viso, anche il tronco e gli arti

sul corpo la quinta malattia si presenta con chiazze non pruriginose soprattutto a livello degli arti e del tronco


LA QUINTA MALATTIA SI ASSOCIA AD UN'INFEZIONE DA ERITROVIRUS

L'eritrovirus (un tempo denominato parvovirus B19), è un piccolo virus di circa 22 nm di diametro, a singola catena di DNA e appartenente alla vasta famiglia dei parvoviridae (a cui appartiene anche il parvovirus RA1 associato all'artrite reumatoide). Si chiama eritrovirus in quanto pur avendo un tropismo per diversi tipi di cellule umane, è in grado di replicarsi solo negli eritroblasti (precursori nucleati dei globuli rossi), in quanto queste cellule esprimono sulla loro membrana esterna, l'antigene eritrocitario di gruppo P (globoside P). Il DNA del virus codifica per almeno 3 proteine virali, di cui due strutturali, denominate rispettivamente VP1 (costituisce circa il 5% del capside) e VP2 (costituisce circa il 95% del capside) e una proteina citotossica denominata proteina NS (NS = no structural). Le manifestazioni esantematiche presenti a livello cutaneo mucoso, sono dovute prevalentemente all'azione infiammatoria degli immunocomplessi sulla parete dell'endotelio, con sofferenza del microcircolo cutaneo chiaramente visibile sia al viso che sul resto del corpo. Oltre la metà degli adolescenti presentano nel siero anticorpi IgG anti eritrovirus, indice indiretto di pregressa infezione, spesso passata inosservata. La diagnosi di quinta malattia è essenzialmente clinica e raramente si ricorre alla ricerca sierologica delle IgM (indice di infezione recente o in atto) e delle IgG (indice di memoria immunologica), dirette contro le proteine VP1, VP2 e NS dell'eritrovirus o alla ricerca degli acidi nucleici virali mediante PCR. Nell'individuo immunocompetente, gli anticorpi IgM anti eritrovirus compaiono già a 2 settimane dall'infezione e persistono nel siero per circa 3 - 4 mesi (indice di infezione recente). Anche gli anticorpi IgG compaiono già a 2 settimane dall'infezione, ma persistono nel siero per tutta la vita (memoria immunologica).



PERCHÈ L'ERITEMA EPIDEMICO DA ERITROVIRUS SI CHIAMA QUINTA MALATTIA

La quinta malattia si chiama in questo modo perché è stata la quinta malattia esantematica ad essere stata descritta nella storia della medicina, come si può osservare dalla seguente tabella:


ELENCO MALATTIE ESANTEMATICHE IN ORDINE CRONOLOGICO DI SCOPERTA
Nome popolareAnno di scopertaNome scientificoCausePrima descrizione clinica
Prima malattia1553MorbilloMorbillivirusGian Filippo Ingrassia - medico siciliano, anno 1553
Seconda malattia1564ScarlattinaStreptococcoGian Filippo Ingrassia - medico siciliano, anno 1564
Terza malattia1740RosoliaRubella virusFriedrich Hoffmann - medico tedesco, anno 1740
Quarta malattia1894ScarlattinettaStreptococcoNil Feodorovich Filatov - pediatra russo, anno 1894
Quinta malattia1905Megaloeritema epidemicoEritrovirusLéon Cheinisse - medico francese, anno 1905
Sesta malattia1910Esantema subitumHerpes virus 6John Zahorsky - pediatra americano, anno 1910

La quinta malattia viene descritta già nel 1799 dal dermatologo inglese Robert Willan come forma minima di rosolia (rubeola sine catarro) e distinta dalla rosolia nel 1896 dal microbiologo tedesco Theodor Escherich. Nel 1899 l'anatomopatologo tedesco Georg Sticker introduce il termine erythema infectiosum (infatti la quinta malattia è nota anche come malattia di Sticker) ed eritema infettivo ancora oggi è il termine più utilizzato in dermatologia clinica. Nel 1905 il medico francese Léon Cheinisse con un articolo pubblicato su un periodico francese (la semaine medical), introduce il termine popolare attualmente ancora in uso, di quinta malattia, mentre l'eritrovirus sarĂ  identificato solo nel 1975 dai virologi australiani Yvonne Cossart Cossart, Anne Field, Barbara Cant e Dianne Widdows, con il nome di Parvovirus B19, dove B19 era la sigla alfabetica riportata sull'etichetta di una delle tante capsule di Petri, in cui fu isolato il virus (dischetto in posizione n.19 sul pannello B). L'associazione tra eritrovirus e quinta malattia viene riportata nel 1983 su Lancet in uno studio britannico condotto dal medico britannico Mary Anderson e colleghi. In presenza di manifestazioni eritematose persistenti del viso con rash cutaneo a farfalla è importante considerare oltre alla quinta malattia, anche altri fenomeni dermatologici, come morbillo, rosolia, dermatite atopica, rosacea, lupus eritematoso, acne di Majorca e altre fotodermatosi.



Anno 2014 - Sito di dermatologia e venereologia a cura del dermatologo venereologo Dott. Del Sorbo CONDIZIONI DI UTILIZZO