paginemediche
Dermatologo Dott. Del Sorbo

Prove allergiche in dermatologia

a cura del Dermatologo Dott. Del Sorbo
SALERNO - SCAFATI

Tra i test allergometrici maggiormente utilizzati in dermatologia allergologica ricordiamo i patch test serie SIDAPA e i test per orticaria fisica (TOF).

Nel sospetto di un eczema (es: dermatite da contatto) il PATCH TEST può rivelare le sostanze alle quali il paziente è maggiormente sensibile. Esso consiste nell’applicazione da parte del dermatologo di speciali cerotti diagnostici sulla schiena del paziente e lettura del test circa 48-72 ore dopo. In caso di positività lo specialista prepara una scheda informativa al paziente indicando dove tale sostanza è contenuta e come prevenirne il contatto.

prove allergiche dermatologiche

Nell’orticaria invece i test più utilizzati sono i TEST ORTICARIA FISICA (TOF). Il Dermatologo con uno strumento denominato dermografometro valuta l’intensità dell’orticaria cosiddetta dermografica (dermographic tester a 3 - 6 - 9 - 12 unità). Subito dopo il dermatologo procede con l’ice cube test (un’area cutanea viene esposta per pochi minuti a una temperatura compresa tra 0°C e 4°C) e il test da contatto caldo (un’area cutanea viene esposta per pochi minuti a una temperatura compresa tra 39°C e 45°C) che possono essere positivi rispettivamente nell’orticaria acquagenica, nell’orticaria da freddo e da contatto caldo. Nel frattempo un’altra piccola area cutanea viene sottoposta a una pressione compresa tra 1 e 3 Kg/cmq (test da peso) e tale test è positivo nelle orticarie da pressione.Il test da sforzo completa generalmente i test orticaria fisica ed è positivo nelle orticarie cosiddette colinergiche.

orticaria dermografica e dermografismo positivo

Nella figura in alto è rappresentato un test dermografico fortemente positivo, mentre in basso è rappresentato un dermografometro graduato per una valutazione quantitativa del fenomeno

prove allergiche e orticaria dermografica

Spesso un fenomeno orticarioide o un prurito che aumenta dopo la doccia, è dovuto proprio a questo fenomeno, con rilascio di istamina da sfregamento meccanico, invece che da sostanze chimiche allergizzanti.