paginemediche

Micosi della pelle in Dermatologia: il dermatologo risponde



LE MICOSI DELLA PELLE: COME RICONOSCERLE

a cura del Dott. Antonio Del Sorbo - Dermatologo
SALERNO - SCAFATI



Le MICOSI sono infezioni causate da funghi microscopici denominati miceti. Questi microrganismi sono classificati in diversi gruppi (es. dermatofiti, lieviti, muffe, etc) e possono infettare la pelle (es: dermatofizia), i capelli (tigna), le unghie (onicomicosi) e le aree genitali (es: infezioni da candida albicans). Al momento della visita dermatologica le micosi presentano un aspetto piuttosto tipico, che ne permette in pochi minuti la diagnosi clinica. Nei casi dubbi, il dermatologo può prelevare del materiale biologico dalle zone sospette, per osservarlo successivamente al microscopio (esame microscopico miceti) o per seminarlo su piastra di Sabouraud (esame colturale candida). Una volta identificato il tipo di fungo, lo specialista può programmare una terapia antimicotica specifica per l'agente responsabile.

I DERMATOFITI (es: trichophyton rubrum, epidermophyton floccosum, microsporum canis, etc), si nutrono di cheratina e provocano sulla cute delle caratteristiche macule a coccarda, a bordi netti e ad evoluzione centrifuga (tigna). Alcuni di questi possono infettare il cuoio capelluto (tinea capitis), il viso (tinea faciei), il tronco (tinea corporis), le mani (tinea manum), i piedi (tinea pedis o piede d'atleta), le pieghe inguinali (tinea cruris) e le unghie (tinea unguium).

I LIEVITI (es: candida albicans) si localizzano invece nelle zone caldo umide (cavo orale, ascelle, pieghe sottomammarie, spazi tra le dita, distretto anogenitale). Malassetia furfur è un lievito che predilige le aree seborroiche e causa nei soggetti predisposti dermatosi come la pitiriasi versicolor (il comune fungo di mare), la dermatite seborroica e la follicolite pitirosporica. Molti lieviti sono normalmente già presenti sulla cute di tutti noi e convivono per anni in maniera pacifica, senza arrecarci danni. In alcuni casi, un calo temporaneo delle difese immunitarie o cure farmacologiche protratte, possono interrompere la pacifica convivenza con questi microrganismi e scatenare una patologia. La candida albicans può provocare problemi agli angoli della bocca (boccheruola), alle labbra (cheilite da candida), al cavo orale (mughetto), ai genitali femminili (vulvovaginite da candida), ai genitali maschili (balanopostite da candida) e alle unghie (onissi e perionissi da candida). Anche in questi casi l'esame colturale (tampone) può essere utile per identificare il microrganismo responsabile.


micosi o fungo della pellemicosi della pelle

Nella figura a sinistra è rappresentata una tinea corporis, mentre a destra una tinea pedis (piede d'atleta)


Alcune MUFFE (es: scopulariopsis brevicaulis) possono scatenare talora la delle micosi, ma la diagnosi clinica e di laboratorio, consentono una volta identificato il ceppo, di trattare adeguatamente l'infezione. A livello delle pieghe cutanee, alcune muffe, lieviti e dermatofiti possono talora creare una micosi a partire da una semplice intertrigine.

Per l'esame microscopico il dermatologo preleva tramite un vetrino le squame, i peli, i capelli o i frammenti ungueali sospetti, macerandoli per circa 1 ora con idrossido di potassio e clorallattofenolo, per l'identificazione delle spore e delle ife micetiche al microscopio ottico. L'esame colturale invece prevede l'inclusione del materiale prelevato su speciali terreni di coltura, in grado di far sviluppare i lieviti in colonie secondo una morfologia specifica per il tipo di microrganismo in questione.


esame microscopico miceti MIC MICpitiriasi versicolor o fungo di mare

Esame microscopico miceti eseguito con vetrino, a destra è rappresentata una pitiriasi versicolor (fungo di mare)


Oltre all'esame microscopico e al tampone, il dermatologo dispone di una speciale lampada ad ultravioletto lungo (lampada di Wood) in grado di rilevare la tipica fluorescenza giallo oro della malassetia, la fluorescenza verdastra dei dermatofiti, per differenziare queste patologie, da altre dermatosi non causate da miceti (es: fluorescenza bianco latte della vitiligine, fluorescenza rosso corallo dell'eritrasma, etc). Persino in alcuni casi di forfora persistente può essere implicato un fungo (es: ruolo della malassetia furfur nella dermatite seborroica).

La frequenza delle micosi cutanee è aumentata sensibilmente negli ultimi decenni, mentre l'incidenza delle infezioni batteriche è dimunuita.

TERAPIA: in base al tipo di micosi e soprattutto all'agente responsabile sono attualmente disponibili antimicotici per via orale e per via locale (creme, spray, mousse, smalti ungueali, lozioni, polveri, detergenti e shampoo).



tinea_corporis_micosi
Tinea corporis (tigna) in un bambino, in seguito ad infezione da Microsporum canis (dermatofita)
La stessa infezione era presente nel cucciolo con cui giocava


LE MICOSI IN DERMATOLOGIA - PRENOTA VISITA

Home Page | Chi siamo | Dove Siamo | Prestazioni | Prenota visita | Guida dermatologica | Visita a domicilio | Forum | Download | Glossario | Link | Mappa del sito


Anno 2014 - Sito di dermatologia e venereologia a cura del dermatologo venereologo Dott. Del Sorbo| CONDIZIONI DI UTILIZZO