paginemediche

IgE totali alte: PRIST e RAST



IgE totali e malattie dermatologiche

a cura del Dermatologo Dott. Del Sorbo
SALERNO - SCAFATI



Cosa sono le IgE totali PRIST
Le IgE sono speciali anticorpi (immunoblobuline) presenti in basse concentrazioni nel sangue di tutti gli individui, con il compito di difendere l'organismo da eventuali parassiti (es. elminti o vermi intestinali). Quando il nostro sistema immunitario incontra una sostanza estranea (es. un allergene o un parassita), alcune sue cellule (denominate linfociti T helper 2 o Th2) iniziano a produrre delle sostanze dette interleuchine (es. IL4, IL5, IL13, IL25, etc) in grado di far aumentare la produzione di IgE.

A cosa servono le IgE

Le IgE sia nei bambini che negli adulti, si legano all'eventuale allergene o parassita, inattivandolo. Tutte le IgE che hanno "catturato" un allergene, si legano sulla superficie di particolari cellule del sistema immunitario (es. mastociti, basofili, etc) stimolandole a produrre sostanze proinfiammatorie (es. istamina, prostaglandine, leucotrieni, PAF, serotonina, histamine releasing facrots, etc) responsabili di svariati sintomi simil allergici (es. prurito, orticaria, dermatite atopica, eczema, asma, rinite allergica, etc).

La quantità IgE prodotta dai bambini e dagli adulti è stabita dal rapporto tra i linfociti Th1 e i linfociti Th2. Le IgE possono aumentare in tutti quei casi in cui vi è un'alterazione della cosiddetta bilancia Th1/Th2, con aumento eccessivo delle difese dell'organismo, nei confronti di stimoli normalmente innocui. Le IgE possono essere elevate anche nella malattia di Giobbe (sindrome da iperIgE) e in altre malattie non allergiche, come le infezioni da candida a carattere sistemico e le infezioni da HIV. IgE alte si possono riscontrare anche nei fumatori e nelle malattie della pelle caratterizzate da un difetto della barriera epidermica, nelle quali è più probabile l'ingresso transepiteliale di potenziali allergeni.

La sindrome di Giobbe (detta anche sindrome da iper IgE o HIERIS Hyper IgE Recurrent Infection Syndrome) è una rara forma di immunodeficienza descritta la prima volta nel 1966 da Davis, Schaller e Wedgwood. Il nome sindrome di Giobbe, ricorda il noto personaggio biblico dell'antico testamento che fu ricoperto di pustole da Satana (Giobbe 2:7 - Satana si allontanò dal Signore e colpì Giobbe con una piaga maligna, dalla pianta dei piedi alla cima del capo). La sindrome di Giobbe si presenta nei bambini già poco dopo la nascita con IgE altissime (valore superiore a 2500 U/ml), eczema e infezioni ricorrenti. Le IgE possono essere alte anche in altre forme di immunodeficienza, sia del bambino che dell'adulto, come la sindrome di Nezelof, la sindrome di DiGeorge, il deficit di IgA, la sindrome di Wiskott Aldrich e l'AIDS.

Valori elevati di IgE totali possono essere anche riscontrati nelle mastocitosi, nella sindrome di Omenn (immunodeficienza descritta nel 1965 dal medico americano Gilbert Omenn e caratterizzata da eritrodermia, rash cutanei, linfoadenopatia, ipereosinofilia, diarrea, alopecia, epatosplenomegalia ed infezioni ricorrenti), nel pemfigoide bolloso (soprattutto IgE anti BP180 e IgE anti BP230), nelle infezioni da aspergillo, nelle candidosi sistemiche, nelle infezioni da citomegalovirus e nella mononucleosi infettiva. Un valore alto di IgE totali, può essere riscontrato sia in situazioni di iperreattività cutaneo mucosa (es. dermatite atopica, sindrome orale allergica, etc), che in numerose altre situazioni di natura non allergica (es. scabbia, parassitosi intestinali, morbo di Hodgkin, fibrosi cistica, epatopatie, sindrome nefrosica, artrite reumatoide, panarterite nodosa, carcinoma bronchiale, pemfigoide bolloso, malattia di Kawasaki, eritema nodoso, sindrome di Guillain Barré, mieloma ad IgE, sindrome di Netherton, etc).


IgE totali alte

Foto di eczema nel bambino (foto in alto) e nell'adulto (foto in basso), con intenso prurito e IgE alte

IgE altissime


Per la maggior parte delle metodiche di laboratorio utilizzate, un PRIST è considerato solitamente normale se le IgE totali sono inferiori a 100 U/ml. Davanti ad una situazione di IgE totali elevate (PRIST o Paper Radio Immuno Sorbent Test), si procede alla ricerca mirata delle IgE specifiche (RAST o Radio Allergo Sorbent Test). In base ad un'anamnesi accurata e ad un esame obiettivo completo, lo specialista può suggerire il tipo di IgE specifiche da ricercare nel sangue (es. latte intero, tuorlo d'uovo, polvere di casa, parietaria, graminacee, etc). Tra i test diagnostici maggiormente utilizzati dal dermatologo in caso di eczema da contatto, vi sono i cosiddetti patch test o test epicutanei. I test orticaria fisica invece, possono essere praticati in caso di orticaria, anche con valori di IgE normali.


IgE alte nei bambini e negli adulti

Patch test in paziente con eczema ed IgE alte (foto in alto) e test orticaria fisica in paziente con IgE normali (foto in basso)

IgE totali PRIST



Il significato delle IgE nella storia e nella pratica clinica

Nel 1921 l'immunologo tedesco Otto Carl Willy Prausnitz (Giles) e il ginecologo tedesco Heinz Küstner isolarono dal siero degli individui allergici una glicoproteina che denominarono reagina, in grado di scatenare la stessa reazione allergica se iniettata ad individui non allergici. Infatti il Dr. Küstner, allergico al pesce, iniettò il suo siero al Dr. Prausnitz, non allergico, trasferendogli l'allergia al pesce (reazione di Prausnitz Küstner). Nel 1966 i coniugi giapponesi Teruko e Kimishige Ishizaka (USA) e i colleghi ricercatori svedesi Gunnar Johansson e Hans Bennich, dimostrarono che le reagine non erano altro che una nuova classe di immunoglobuline, oggi nota con il nome di IgE. Nel 1970 furono introdotte in commercio le prime metodiche in grado di dosare le IgE totali (PRIST = Paper Radio Immuno Sorbent Test) e le IgE specifiche (RAST = Radio Allergo Sorben Test). Oggi per il dosaggio delle IgE totali, i laboratori non utilizzano più il metodo immunoradiometrico con supporti in carta (la lettera P del PRIST indicava paper = carta), ma il moderno metodo immunoenzimatico RIST (Radio Immuno Sorbent Test), nonostante il termine PRIST si utilizzi tuttora come sinonimo di RIST.

Nel 1971 i ricercatori giapponesi Hisao Tomioka e Kimishige Ishizaka notarono che le IgE avevano elevata affinitè per i recettori localizzati sulla membrana dei mastociti e dei basofili e il legame dell'antigene sulle IgE portava al rilascio di svariati mediatori dell'infiammazione di tipo allergico. Recentemente sono stati individuati anticorpi monoclonali diretti contro il sito di legame delle IgE. L'omalizumab ad esempio è un anticorpo IgG1k anti IgE in grado di neutralizzare le IgE libere nel siero legandosi alle loro catene pesanti e prevenendone il legame con mastociti e basofili, con blocco dell'attivazione cellulare indotta dagli allergeni.

Al momento della visita specialistica, il dermatologo potrà interpretare in base alla storia clinica del paziente e alle manifestazioni dermatologiche in atto, il significato di eventuali IgE totali alte e richiedere una consulenza allergologica in caso di manifestazioni extracutanee, come l'asma, la rinite e la congiuntivite allergica, a volte associate ad alcune malattie della pelle. Quando richiesto al momento della visita medica, il dosaggio delle IgE totali (PRIST) e delle IgE specifiche (RAST) può essere effettuato su un normale prelievo di sangue, in qualsiasi laboratorio di analisi cliniche, evitando possibilmente di assumere prima del prelievo, farmaci antiallergici come gli antistaminici e i cortisonici per via orale, che potrebbero in alcuni casi falsare l'esito dell'esame.



Anno 2014 - Sito di dermatologia e venereologia a cura del dermatologo venereologo Dott. Del Sorbo CONDIZIONI DI UTILIZZO